Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La Vergine e Martire Cecilia fu una giovane romana, martire al tempo di Urbano I (222-230). Il suo culto risale al V secolo. Secondo la tradizione fu una nobile fanciulla cristiana che la sera delle nozze rivelò a suo marito di essere  cristiana, e di aver fatto il voto di castità. Con le sue preghiere ed il suo esempio lo indusse alla conversione. Venne uccisa con la decapitazione dopo suo marito Valeriano, il fratello del marito Tiburzio e Massimo.
Alla morte di questi, un certo Almachio volle impossessarsi dei beni dei due fratelli, mandò a prendere Cecilia, la interrogò e la condannò a morte, facendola immergere in liquidi bollenti, ma la donna ne uscì illesa. Si optò allora per la decapitazione. Ma dopo tre colpi dati dal carnefice - la legge romana vietava infatti più di tre colpi - poiché la testa ancora non si era staccata dal corpo, si dovette lasciare la giovane in tale stato doloroso. Ella  sopravvisse, tra dolori immani, altri tre giorni, durante i quali riuscì a donare tutti i suoi beni ai poveri e la sua casa alla Chiesa.
La giovane venne sepolta nelle Catacombe di S. Callisto, in un posto d'onore, accanto alla "Cripta dei Papi". Più tardi il Papa Pasquale I, grande devoto della Santa, ne trasferì il corpo nella cripta della basilica di Trastevere, a lei dedicata. Alla fine del '500 il sarcofago venne aperto ed il corpo di Santa Cecilia apparve in uno stato di conservazione eccezionale, avvolto in un abito di seta e d'oro. Era rimasto incorrotto e bianco, a causa della perdita del sangue dalla terribile ferita del collo. La bellissima statua, opera del Maderno, rappresenta la Santa nella posizione in cui morì, con le due mani indicanti con le dita il numero tre ed il numero uno, simbolo di Dio Trino ed Uno. Nella sua più antica Passio, si racconta che durante la cerimonia nuziale, "mentre risonava la musica, Cecilia in cuor suo cantava la sua preghiera" al Signore: Rendi il mio cuore ed il mio corpo immacolato perché non sia confusa. Da tale episodio è nata la tradizione di Santa Cecilia Patrona della Musica. Ogni anno, il giorno 22 novembre, nella sontuosa Basilica di Santa Cecilia in Trastevere, a Roma, si celebra una S. Messa solenne (quest'anno sarà presieduta dal Cardinal Angelo Comastri), durante la quale i Pueri Cantores della Cappella Sistina entrano ufficialmente nel coro, dopo l'anno preparatorio e recitano il giuramento di feeltà ad alta voce.

 

Che questa meravigliosa santa interceda presso il trono di Dio, affinché risuoni in tutte le Chiesa una musica degna del culto di Dio.